Con il nuovo palinsesto autunnale delle reti nazionali, torna il “Conte Show”. Quest’anno solo in prima serata e alle 21,30. La scelta è ovviamente una strategia studiata e ponderata, un complotto, complice l’unione farmacisti, per vendere più Maloox. Battute a parte, A reti unificate, dopo tutti i rumors dei giorni precedenti, Conte annuncia le direttive per le prossime settimane.

L’idea è quella di stringere i cordoni adesso, per goderci il Natale. Per grande soddisfazione di De Luca, Halloween non si farà. “Un’americanata per imbecilli”, dichiara il governatore della Campania, che porterebbe solo altri contagi. Ma in quei giorni non c’è solo Halloween, perchè anche l’Italia ha una ricorrenza ed è quella di onorare i nostri defunti. Quindi anche recarsi al cimitero per pregare sulle tombe dei nostri cari, sarà soggetto alle regole in corso.

Questo provvedimento dovrà consentirci di affrontare questa nuova ondata di contagi che sta interessando severamente non solo l’Italia ma l’interra Europa. Dobbiamo agire mettendo in campo tutte le nuove misure necessarie a scongiurare un nuovo lockdown generalizzato. Il Paese non può permettersi una nuova battuta d’arresto che finirebbe per compromettere severamente l’intero tessuto economico“. Esordisce così Conte in conferenza stampa e di seguito annuncia i nuovi provvedimenti.

Cosa si può fare e cosa no

Ritorna il buio per le strade, tutte le attività saranno chiuse, salvo quelle che offrono ristorazione al tavolo (ma solo fino a mezzanotte) e servizi d’asporto.

A discrezione dei sindaci, chiusura di vie e piazze dopo le ore 21, dove si creano assembramenti, consentendo l’accesso solo a chi deve raggiungere esercizi commerciali o abitazioni private.

Tutte le attività di ristorazione (tutte) pub, ristoranti, bar, gelaterie e pasticcerie possono restare aperte fino a mezzanotte solo con consumo ai tavoli. Se non c’è possibilità di consumo ai tavoli, la chiusura è alle ore 18. Solo 6 persone per tavolo per tutti i ristoranti e obbligo di affissione della capienza massima del locale. Le sale bingo però possono stare aperte fino alle ore 21.

Vietate sagre, fiere locali, mentre restano consentite quelle di carattere nazionale ed internazionale. Sospese le attività congressuali, salvo con la modalità a distanza. Stessa cosa per le riunioni. Saranno incrementati le modalità per fare ricorso allo smart working.

Scuole e palestre

Scuola aperte, ma per le superiori si adotteranno modalità più flessibili di accesso alle attività didattiche con ingressi alle ore nove e lezioni pomeridiane.

Nessuna gara e competizione per le attività dilettantistiche di base e sport da contatto amatoriali e dilettantistici. Quindi, cari uomini, la scusa del calcetto, anche stavolta, salta. Datevi al running, spinning, footing ma individualmente.

Per le palestre, malgrado le norme di sicurezza che sono ampiamente rispettate, si attenzionano le strutture per una settimana. Diversamente saranno sospese anche le attività di palestre e piscine.

Quello che non ha detto è fino a quando saranno in vigore tali misure. Ma soprattutto, gli aiuti alle imprese che subiranno inevitabilmente i danni di queste nuove misure, sono stati annunciati con i verbi coniugati di nuovo al futuro.

Bentornato Presidente, ci mancava.

Di seguito potete scaricare il dpcm del 13 ottobre, che verrà integrato con le nuove misure annunciate stasera.

Foto copertina da ilmessaggero.it