image_pdfimage_print

Moncalieri si unisce contro la violenza con il progetto Rosso Indelebile. Progetto promosso ormai da anni dall’ Associazione Artemixia che vedrà la città di Moncalieri protagonista a novembre di due appuntamenti.

Questo avverrà, rispettivamente, il 13 e 14 novembre con un laboratorio teorico-pratico di intelligenza emotiva presso la palestra della scuola Silvio Pellico. E poi ancora il 20 novembre con un’azione artistica collettiva, ambasciatrice di un importante messaggio contro la violenza. Appuntamento davanti all’ingresso della Biblioteca Arduino.

Moncalieri verso il 25 novembre

Insomma, si lavora a pieno ritmo in vista del 25 Novembre, giornata internazionale contro la violenza di genere. L’azione di sensibilizzazione unirà tramite il progetto Rosso Indelebile, cittadine e cittadini, soggetti privati ed istituzioni di Moncalieri in un grido comune: insieme contro la violenza.

Un grido per sensibilizzare le persone a una partecipazione attiva e a una consapevolezza sempre più profonda sul tema della violenza. Fenomeno che sta mietendo sempre più vittime come purtroppo ci ricordano le cronache ogni giorno. L’iniziativa è sostenuta e patrocinata da Città di Moncalieri, Regione Piemonte, Consiglio Regionale Piemonte e dalla Biblioteca Civica A. Arduino di Moncalieri.

Il laboratorio di intelligenza emotiva

Il laboratorio teorico-pratico, di intelligenza emotiva, a cura della psicologa Laura Sandrono e della psicologa danzamovimentoterapeuta Henni Rissone, avrà luogo sabato 13 novembre dalle ore 16.00 alle ore 19.00 e domenica 14 novembre dalle ore 10.00 alle ore 13.00. Sede la palestra della scuola primaria Silvio Pellico di Moncalieri in via San Martino 27.

Il laboratorio si pone l’obiettivo di arginare il senso di emarginazione e incrementare la capacità di interazione affettiva con l’altra/o fornendo un supporto alla prevenzione delle dinamiche di violenza e alla destrutturazione degli stereotipi di genere. “L’educazione all’affettività ha l’obiettivo di sviluppare l’intelligenza emotiva a partire dalla consapevolezza delle proprie sensazioni, delle proprie emozioni e dei propri sentimenti e di accrescere le abilità affettive al fine di favorire una buona Relazione interpersonale. Spiegano la Rissone e la Sandrono.

Moncalieri e Rosso Indelebile verso il 25 novembre "Insieme contro la violenza".

Perché l’educazione all’affettività possa essere una forma di prevenzione della violenza di genere è necessario che affronti la relazione tra affettività, identità di genere e stereotipi culturali”. Il laboratorio è aperto a tutte e tutti dai 18 anni in su. Per prenotazioni enotazioni cliccare qui

L’azione artistica collettiva

Un’azione artistica collettiva di grande valenza corale contro la violenza sarà il clime in scena sabato 20 novembre. Appuntamento ore 11.00 all’ingresso della Biblioteca Civica Arduino di via Cavour 31. Qui L’artivista Rosalba Castelli, con le volontarie e volontari di Artemixia e con il coinvolgimento della cittadinanza guiderà i partecipanti a imprimere le impronte delle loro mani. Il tutto per un movimento corale che creerà la scritta “STOP VIOLENZA”.

Ogni luogo è luogo da cui innescare il cambiamento culturale cui auspichiamo perché per il contrasto alla violenza occorre l’impegno di tutte e tutti!” dichiara la Castelli. “L’ azione di imprimere l’impronta della propria mano, di lasciare un segno che sia estremamente collegato all’individuo: l’impronta, e al collettivo: la totalità delle impronte, rimanda all’idea di una società composta da soggetti che si facciano singolarmente carico di fare la propria parte nella lotta alla violenza a partire dal proprio ruolo e dai piccoli e grandi gesti.

Moncalieri e Rosso Indelebile verso il 25 novembre "Insieme contro la violenza".

Uso di un linguaggio inclusivo e rifiuto della discriminazione di genere

Dall’uso di un linguaggio inclusivo, al riconoscimento e al rifiuto della discriminazione di genere, dalla cura dell’educazione che diamo ai nostri figli e alle nostre figlie, alla non indifferenza di fronte a situazioni in cui possiamo intervenire. Proviamo tutte e tutti indignazione per i fatti di violenza che giungono alle nostre orecchie. Ma la violenza è un muro di acciaio che possiamo abbattere solo se trasformiamo l’indignazione in azione.

Ed è in questo modo che la realizzazione di una azione artistica collettiva si collega all’installazione che inaugureremo a Parco Commerciale Dora il 25 novembre. Lo spazio creato da un’enorme mano che sfonda il muro d’acciaio della violenza, un’Opera di tutte e di tutti, un monito alla riflessione permanente sull’impatto che la somma delle nostre azioni può avere nella lotta al contrasto alla violenza.”

Saranno usate vernici sintetiche Nel rispetto delle normative anti-Covid , verranno usati guanti monouso e dpi. L’azione sarà condotta in esterno nel rispetto delle distanze interpersonali. Per prenotazioni cliccare qui

Pregiudizi di carta

Nella stessa mattinata del 20 novembre, verrà proposto un evento ispirato alla Biblioteca Umana, “Pregiudizi su carta”. Ovvero: un incontro a tu per tu in cui il lettore sfoglia la storia di una persona come se fosse un “libro vivente”. Intrattenendo così un dialogo di 15 minuti con la possibilità di porre domande all’insegna del reciproco rispetto e dell’ascolto, sul tema della violenza di genere. Maggiori informazioni al tel. 0116401600 e alla mail scumonc2021@gmail.com).

Da anni continuiamo a lavorare, con metodo e senza stancarci, sul piano della sensibilizzazione culturale e del contrasto alla violenza di genere – dichiara soddisfatta l’assessora alla Cultura e alle Pari Opportunità Laura PompeoE, grazie al lavoro che da diversi anni portiamo avanti con Artemixia, con proposte originali come queste, capaci di attrarre un pubblico vasto.

Moncalieri e Rosso Indelebile verso il 25 novembre "Insieme contro la violenza".

Le parole dell’Assessora Laura Pompeo

E’ appena il caso di ricordare lo spazio rilevantissimo che hanno questi temi nella nostra programmazione e sui nostri social. In presenza e sulla pagina fb della Biblioteca Arduino, (Che da 3 anni e’ Punto Informativo cittadino sulle Pari opportunità e Punto Antidiscriminazione istituito ufficialmente dalla Regione Piemonte) postiamo tutti i giorni nuovi contenuti e input per il contrasto all’hate speech.

In particolare il lunedì, giorno che nel nostro palinsesto è dedicato alle tematiche di genere. E’ inoltre disponibile al prestito un’ampia selezione di libri e film”. E di tutto questo da oggi in poi parlerà anche, nel cortile interno della biblioteca, “il nuovo murale, segno tangibile e corale del cambiamento culturale a cui anche Moncalieri sta contribuendo in tutti i modi”.

Previous article“TiLov Show”, la seconda puntata: intervista a Federica Minia
Next articleEnsi presenta “Domani”, il secondo capitolo della sua trilogia
Monica Col
Vicedirettore di Zetatielle Magazine e responsabile della sezione Arte. Un lungo passato come cronista de “Il Corriere Rivoli15" e “Luna Nuova”. Ha collaborato alla redazione del “Giornale indipendente di Pianezza", e di vari altri giornali comunali. Premiata in vari concorsi letterari come Piazza Alfieri ( 2018) e Historica ( salone del libro 2019). Cura l’ufficio stampa di Parco Commerciale Dora per la rassegna estiva , del progetto contro la violenza di genere promosso da "Rossoindelebile", e della galleria d’arte “Ambulatorio dell’Arte “. Ha curato l'ufficio stampa e comunicazione del Movimento artistico spontaneo GoArtFactory per tre anni. Collabora sempre come ufficio stampa in determinati eventi del Rotary distretto 2031. Ė Presidente dell 'Associazione di promozione sociale e culturale "Le tre Dimensioni ", che promuove l' arte , la cultura e l'informazione e formazione artistica in collaborazione con le associazioni e istituzioni del territorio. Segue la comunicazione per varie aziende Piemontesi. Dice di sé: “L’arte dello scrivere consiste nel far dimenticare al lettore che ci stiamo servendo di parole. È questo secondo me il significato vero della scrittura. Non parole, ma emozioni. Quando riesci ad arrivare al cuore dei lettori, quando scrivi degli altri ma racconti te stesso, quando racconti il mondo, quando racconti l’uomo. Quando la scrittura non è infilare una parola dietro l’altra in modo armonico, ma creare un’armonia di voci, di sensazioni, di corse attraverso i sentimenti più intensi, attraverso anche la realtà più cruda. Questo per me è il vero significato dello scrivere".