image_pdfimage_print

Posso andare all’estero? Quali sono le regole Covid per viaggiare oggi in Europa? In quali Paes è consentito entrare? Devo fare la quarantena? Tuttel el risposte alle vostre domande in merito agli spostamenti all’estero.

Da ieri quasi tutta l’Italia è finalmente in zona gialla. Il che significa che ci si può spostare liberamente nella propria regione, ma ricordiamo che il DPCM di gennaio prevede che sia comunque vietato lo spostamento nelle altre regioni, fino al 15 febbraio, salvo, ovviamente, i casi previsti, compreso quello che permette di andare nelle seconde case di proprietà. Resta in vigore il coprifuoco dalle 22 alle 5 su tutto il territorio nazionale.

Dal 15 febbraio, quindi, se tutto va bene, potremo poi sconfinare nelle altre regioni tranquillamente.

viaggiare oggi in zona gialla . nella foto tutte le regole  del DPCM

Covid e viaggi

Si può finalmente tornare a viaggiare anche all’estero, ma non ovunque. Ci sono paesi che ancora non hanno aperto le loro frontiere e quindi sono ancora inaccessibili. Inoltre, non è vietato, ma resta comunque fortemente sconsigliato viaggiare fuori dal Paese, se non per motivi di necessità. Evitiamo quindi di programmare una vacanza, non ancora almeno. Il Covid è ancora fortemente presente in tutto il mondo, i numeri non sono ancora scesi ad un livello rassicurante e la campagna vaccini sta subendo dei ritardi.

La parola d’ordine è ancora e sempre Prudenza.

Vediamo insieme quali sono le regole Covid per i viaggi all’estero.

Innanzitutto si può andare in Francia, Regno Unito, Germania, Spagna, Austria, Svizzera e Grecia. Qui valgono le regole della necessità e dei motivi di lavoro.

E’ vietato andare in Cina, Singapore, USA, Brasile e Australia. Il divieto è assoluto e non ci sono eccezioni neanche per lavoro o motivi di necessità.

La Svizzera è l’unico paese che non ha alcun vincolo. No tamponi, no quarantena, non questionari.

Nei Paesi che consentono il traffico di viaggiatori esistono delle regole, specifiche per ogni paese. Vediamo quali sono.

regole covid per spsostamenti all'estero - due passaporti appoggiati su una cartina dell'europa

Le regole per viaggiare

In Spagna non c’è l’obbligo di quarantena all’arrivo, ma è obbligatorio avere un tampone negativo dichiarato da una certificazione tradotta, effettuato 72 ore prima della partenza.

Anche in Francia non è prevista la quarantena all’arrivo, ma è indispensabile un tampone molecolare con risultato negativo, effettuato, anche qui, 72 ore prima dell’arrivo. Vi ricordiamo che in Francia il coprifuoco è dalle 18 di sera alle 6 del mattino.

In Belgio si può entrare solo previa compilazione di un questionario on line. La quarantena di 10 giorni è obbligatoria per tutti. Inoltre, bisogna effettuare un tampone molecolare 72 ore prima della partenza, uno all’arrivo, uno il primo giorno di quarantena e uno il settimo.

Per andare nel Regno Unito è obbligatorio compilare un formulario on line ed è richiesto un tampone di qualsiasi tipo, eseguito 72 ore prima. Come in Germania, è obbligatorio osservare l’autoisolamento per 10 giorni, ma se dopo 5 giorni si vuole rifare il tampone e continua ad essere negativo, si interrompe la quarantena.

Anche la Grecia prevede un formulario on line da compilare prima della partenza ed un tampone molecolare effettuato 72 ore prima. La quarantena di 7 giorni è obbligatoria senza possibilità di interruzione.

In Germania, è indispensabile fare un tampone molecolare entro 48 ore dall’arrivo o dalla partenza, da ripetere dopo 5 giorni. E’ obbligatoria la quarantena di 10 giorni che si interrompe se al secondo tampone si risulta negativi.

L’Austria non richiede tamponi, ma impone una quarantena obbligatoria di 10 giorni e consente l’ingresso solo previo questionario on line debitamente compilato prima del viaggio.

Il Giappone prevede una quarantena obbligatoria per 14 giorni, un tampone molecolare effettuato 72 ore prima della partenza e uno all’arrivo, ma non richiede certificazione. Stessa cosa per l’Argentina, ma la quarantena è di 7 o 10 giorni.

www.salute.gov.it

Per ogni altra domanda e per avere le informazioni sulle regole Covid più dettagliate e, soprattutto, ufficiali, vi invitiamo a consultare sempre il sito del governo