image_pdfimage_print

Il 2022 dell’arte comincia preparandosi per le celebrazioni del bicentenario della morte di Antonio Canova.

Uno stanziamento di circa 157 mila euro di fondi pubblici per istituire un Comitato Nazionale per le Celebrazioni.

Mostre, incontri eventi a tema, non mancheranno in tutta Italia per celebrare questo importante appuntamento con l’arte.

Il primo sostenitore, organizzatore e regista di questo bicentenario è il professor Vittorio Sgarbi, presidente della Fondazione Canova Onlus. La Fondazione che ha la gestione dei beni, la tutela, la promozione e la valorizzazione del Museo Canoviano, le raccolte d’arte conservate nel Complesso Canoviano, l’Archivio Storico e la Biblioteca.

Gli appuntamenti

Un percorso artistico che va da Possagno, che ospita Il Tempio e la celebre Gypsotheca, a Bassano del Grappa, dove sono conservate molte delle opere donate da Monsignor Gianbattista Sartori Canova,fratello dello scultore.

Da Treviso a Trento, insomma, tutto il Veneto celebrerà il suo artista, considerato il massimo esponente del Neoclassicismo nella scultura.

Saranno tantissimi gli eventi che durante l’anno si susseguiranno per celebrare il bicentenario, e tanti sono i progetti presentati.

Primo fra tutti, il progetto “Restauro e digitalizzazione del complesso architettonico canoviano“, del Comune di Possagno (TV), paese natìo del Canova. L’iniziativa realizzata in collaborazione con il Museo Canova si è già aggiudicata 784.000 euro provenienti dal bando promosso dal Ministero della Cultura.

Il progetto prevede anche il restauro di un’area del museo, quella Ottocentesca, destinata ad ospitare opere del Canova provenienti da Roma.

Sempre a Treviso, a marzo, il Museo Bailo ospiterà “L’Ottocento svelato. Da Canova al Romanticismo storico“, a cura di Fabrizio Malachin e Elisabetta Gerhardinger.

“Canova tra innocenza e peccato” è, invece, il titolo della mostra al Mart, il Museo di arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto, già fruibile al pubblico dal 17 dicembre, e aperta fino ad aprile 2022.

Ma questi sono solo la punta dell’iceberg. L’anno è appena iniziato.

Un anno, quindi, che si apre all’insegna dell’arte e che attirerà visitatori da tutto il mondo.

Canova - un busto i Antonio Canova, esposto in un giardino