image_pdfimage_print

Dalla penna di Gianpiero Perone, “Nascosto nel vento” è il libro più adeguato che si possa leggere in questo periodo di quarantena. Una dichiarazione d’amore che segna il senso profondo dei nostri giorni.

Mai è stato così difficile trovare parole per raccontare un libro.

Eppure sono solo 64 pagine, ma ognuna di loro ti tiene fermo per giorni, a riflettere, ognuna di loro ti chiama dallo scaffale e prepotente ti chiede di essere riletta, perchè ogni volta che la rileggi, è un altro punto di vista, un altro insegnamento, un altro percorso della mente. E dire che a scriverlo è stato uno che di mestiere fa il comico… Se penso che, a volte, per far capire chi è Gianpiero Perone, si deve dire che lui è il famoso Principe Cacca di Colorado, quasi quasi mi incazzo.

Dietro quelle piume azzurre del cappello del principe goffo e un pò stupido, si nasconde invece un’uomo incredibilmente, straordinariamente profondo e sensibile. E’ ciò che penso ogni volta che vedo un suo spettacolo, che sia in teatro o al Cab41 di Torino, dove oltretutto dirige il laboratorio comico. Spettacoli dove ridi fino alle lacrime.

E poi…ti spiazza con un libro così.

Un libro da quarantena

L’ho letto poco prima che esplodesse l’apocalisse da Coronavirus, ma in tempo di quarantena, l’ho riletto, letto, e riletto. Ogni giorno scelgo un capitolo, e lo rileggo. Perchè sembra scritto apposta per questi giorni, in cui tutto ciò che davamo per scontato è stato vietato, messo in discussione, rimandato a data da destinarsi. E la gente forse, sta incominciando a rifare la priority list dei must imposti dal lifestyle.

Oggi non ha più senso inglesizzare il nostro italiano, oggi non ha più senso la griffe all’ultima moda. Oggi quello che è importante è avere una mascherina, dei guanti in lattice. Non ha più senso vantarsi con gli amici del followers su instagram, perchè in questo momento, è importante avere degli amici e soprattutto sperare che non si ammalino.

Oggi quello che conta è salvaguardare la vita e carpirne il suo senso più profondo.

Sono i giorni del coronavirus e sono giorni storici, giorni che stiamo passando tutti insieme, nello stesso modo. E i pensieri felici che ci facevano cantare dai balconi piano piano hanno lasciato il posto ad altri pensieri che passano nella mente “come gli elefanti quando camminano lentamente, tutti in fila, l’uno dopo l’altro, ondulando” (cit. Gianpiero Perone).

Nascosto nel vento, ritrovi te stesso

Nascosto nel vento è il senso profondo dei nostri giorni, di questi giorni. Una riflessione, a volte dolce, a volte amara su tutto ciò che ci circonda e che ci appartiene, dentro e fuori di noi. Dalla busta di insalata nel frigo al profondo mare che non ha confini.

Dalle gabbie mentali in cui ci ha rinchiuso il progresso e il benessere a quelle dell’anima, che oggi soffre di solitudine imposta.

Oggi è il momento in cui tutti cerchiamo un punto di equilibrio che, come corda tesa sul tempo che passa, ci permetta di prendere ogni tanto un respiro, di capire cosa stia accadendo, di fissare delle priorità“.

Detto così sembra un libro triste ma non è affatto così. Sono io che non sto trovando le parole più giuste, ma spero di trasmettervi almeno il senso. E’ un libro di speranza, una lettera ad un figlio, e per chi un figlio non ce l’ha, una lettera al prossimo. Una lettera che parla d’amore, quello vero, quello spogliato da ogni vanità, invidia e gloria, quello universale, sublime, eterno.

Gianpiero coglie nel pieno l’essenza di questi nostri giorni, eppure voleva essere una riflessione di 50 anni di vita, una riflessione sul suo essere semplicemente uomo tra gli uomini. Quanto ha visto lontano…ha colto l’essenza dell’esistenza dell’essere Umano.

Parole e musica

In più, la lettura dei 12 racconti è accompagnata da dodici canzoni, raccolte nel CD o se preferite, la USB Credit card version, inserto gratutio all’nterno del libro. Musica e parole…il mix perfetto per un viaggio anche stando nel salotto di casa vostra.

Giampiero lo introduce così:”Dodici canzoni e dodici racconti. Riflessioni, appunti e frammenti di vita. Ho messo molto di me in queste parole, ho cercato di lasciarmi andare a volte sul filo di un ricordo e in altri casi trasportato semplicemente dalla fantasia. La chiave di tutto è stata però la verità. Un modo di raccontarsi e di farsi conoscere meglio da chi avrà voglia di ascoltare, il tentativo di condividere un’emozione profonda“.

Vi garantisco: è solo la punta dell’iceberg.

Non c’è modo migliore per raccontare un buon piatto, se non farlo assaggiare. Le mie parole finiscono dunque qui. Ho scelto qualche brano, giusto un paio, per farvi venire l’appetito e visto che tanto no si può uscire, il libro potete ordinarlo direttamente da casa, consultando la pagina facebook di Gianpiero Perone.

Nascosto nel vento

Stasera c’è vento e nascosto nel vento forse si trova davvero il senso profondo dei nostri giorni. Di ciò che facciamo e pensiamo. Di ciò che viviamo. Arriva l’eco dei ricordi, l’immagine sfocata di tanti volti che hanno accompagnato il nostro percorso. Alcuni sono stati fondamentali e nemmeno lo sanno, altri ci hanno illuso, rappresentano le tante occasioni sprecate, le volte in cui abbiamo sperato e poi ci siamo dovuti ricredere. Forse sarebbe servito più coraggio, forse la colpa in fondo è anche nostra. Forse la verità è che non siamo più quelli, non assomigliamo più a ciò che siamo stati, a ciò che abbiamo creduto di essere.

Ad ogni passo cade una maschera, ogni giorno che va annulla o modifica una convinzione, e proprio come il mare ci ritroviamo in perenne movimento. La coscienza fa domande all’anima e l’anima è troppo fragile per poter dare le risposte necessarie.(…) Ogni giorno che passa va curato, accudito, indirizzato. Non andrà sempre tutto bene, è chiaro, ma non c’è altro modo. I giorni, i nostri momenti, vanno amati così, con un senso leggero, mentre li si accompagna per mano a vedere questo maree incredibile.

L’ultima parola

Può succedere di tutto in quel buio. Che vinca lo sfinimento, che le mani si allontanino, che l’unica cosa ancora viva sia uno sguardo che si fa più distante e che ti chiede: “Perchè?”. Può accadere che si smarriscano figli, che si smarriscano madri. Può essere che quel buio sia fatto apposta per non vedere, quel silenzio per non dire, tutta quell’acqua per ricoprire. L’aria si addensa di paure e domande. Si cerca un senso. Una Ragione. A MARE.(…) Ci serve una grammatica dei sentimenti tutta nuova.

Partire dall’AMARO che provoca vedere tanta indifferenza. “A MORTE!”, grida qualcuno e non si rende conto che così si muore tutti. A MARE. Resta la speranza delusa, spazzata via dal vento. AMORE, è quello che ci serve, amore all’infinito, ed è tutto lì il miracolo. Ecco svelato il segreto, il pezzo fondamentale che fa funzionare tutto l’ingranaggio. Amore… Amore all’infinito. Concentrati sull’ultima parola, non ti distrarre adesso. Amore. All’infinito.

AMARE e basta.

E’ disponibile NASCOSTO NEL VENTO, il mio nuovo libro/ cd ( o usb per chi preferisse). 12 racconti e 12 canzoni al costo di 10 euro. Se vi va, chiedete!!!Grazie!

Gepostet von Gianpiero Perone am Sonntag, 3. November 2019

Gianpiero Perone – Nascosto nel vento