image_pdfimage_print

“Pensa a sorridere, hai pianto abbastanza, no?”
Quante volte ci siamo sentiti stanchi. E non parlo di stanchezza fisica, ma quella del cuore. Quante volte abbiamo ripetuto “questa è l’ultima volta” quando si trattava di voler tenere stretto qualcuno che non teneva affatto a noi. Ma non è così che funziona. Perchè è uno spreco di energie correre dietro a chi non è disposto a venirti incontro. A volte mollando la presa si finisce con l’annullare se stessi. Ma non è così che funziona, “non perdere te stessa soltanto perchè chi hai amato ha scelto di perderti”.
Ed oggi, per la rassegna Libri on the road, la recensione di Meriti di essere felice, la raccolta di poesie di Leonard Robert.

Il libro “Meriti di essere felice”

“Essere abituata alle delusioni non significa che sulla fronte c’è scritto: Deludimi pure, che sarà mai”.

Siamo solite, spesso, ad attribuirci colpe e responsabilità nel momento in cui un rapporto giunge al capolinea. Che si tratti di un amico o un fidanzato non abbiamo mai il coraggio di guardare la realtà che non sia dominata dai sentimenti. E parlo al femminile perchè questo è un libro dedicato soprattutto alle ragazze. Quelle donne forti ma con la stanchezza sulle spalle. Quelle che non si sentono abbastanza ma che sono in grado di amare incondizionatamente. Quelle donne che provano un amore così forte da voler giustificare tutto. Ma non è così che funziona.

“Tu non devi trovare scusanti a queste persone solamente perchè il troppo amore ti rende cieca, credimi che a certi comportamenti non esista scusa che tenga”.

A volte capita di aprire il cuore alle persone sbagliate ma questo non deve permettere di far mancare il coraggio di rialzarsi per permettere u nuovo inizio, “perchè una come te non si arrende nemmeno quando sembra essersi arresa”.

“Vorrei leggerti poesie non mie”

“Vorrei leggerti poesie non mie ma di illustri poeti come Prevèrt, Bukowski, Neruda, Pasolini, Baudelaire”.

E’ questa la dolcezza che utilizza lo scrittore. Leonard Robert nasce a Budapest il 9 luglio 1997. Scopre Bukowski all’età di 12 anni ed è grazie a lui che si appassiona alla scrittura e coltiva questa sua passione seguendo lo stesso stile dell’illustre poeta.

Diariodiuncaotico” è la sua pagina Instagram, inizialmente utilizzata come sfogo personale, ma divenuta poi un incontro di chi, con quelle parole, si sentiva compreso.
Il suo libro “Meriti di essere felice”, è una raccolta di poesie per tutte quelle ragazze che hanno un cuore che fa la guerra con l’amore.

“Lei era arte dal valore inestimabile, una bella canzone da ascoltare, mai ascoltata; era poesia incompresa da chi non aveva occhi”.

Meriti di essere felice, Leonard Robert. Una ragazza rannicchiata per terra con le ginocchia rivolte verso il petto. E' coperta da un cerotto. In alto il nome dell'autore e subito sotto il titolo del libro .