image_pdfimage_print

È nato in 12 giorni, alle OGR Torino, l’ospedale da campo che conta novantadue posti letto dedicati alla degenza e alla terapia subintensiva. 12 giorni e 12 notti in cui si è lavorato a un ritmo forsennato. Lavori iniziati il 6 aprile e che hanno permesso di trasformare una parte delle OGR – Officine Grandi Riparazioni di Torino, ora grande polo culturale, in un’area sanitaria per i pazienti Covid.

Occorre liberare gli ospedali dai malati ancora positivi, ma non più nella fase acuziale– , spiega il Governatore della Regione Piemonte Alberto Cirio-. Nel primo giorno di apertura, sono stati già trasportati qui 10 pazienti e man mano altri se ne aggiungeranno nelle prossime ore e nei prossimi giorni. I lavori sono frutto di una grande collaborazione di squadra. Qui avremo 92 posti letto dedicati in particolare alla terapia subintensiva e alla degenza. Sarà uno strumento prezioso per dare fiato ai nostri ospedali, liberando posti letto sul territorio che potranno essere dedicati alle altre urgenze“.

OGR Torino: l'ospedale da campo nato in dodici giorni posti letto in terapia intensiva e subintensiva la visita di Cirio con altre autorità

Posti letto alle OGR per “riparare” le persone

“In questa difficile e drammatica fase emergenziale causata dal Covid19, alle OGR – Officine Grandi Riparazioni di Torino viene richiesto di riparare il bene più prezioso, ovvero la salute delle persone. Ed è nostro dovere contribuire affinché ciò avvenga nel modo più rapido ed efficace possibile“. Lo afferma il Direttore Generale di OGR e Segretario Generale della Fondazione CRT Massimo Lapucci

Tante le collaborazioni e le sinergie eccellenti messe in campo in questa corsa per approntare alle OGR Torino l’ospedale da campo. Prima di tutto FONDAZIONE CRT che ha messo a disposizione la struttura a canone zero. A ruota la Compagnia di San Paolo che ha interamente coperto i costi per realizzare il progetto. In campo anche il Genio Infrastrutture dell’Aeronautica Militare che, insieme alla Protezione Civile e l’Unità di crisi della Regione Piemonte, ha guidato i lavori. Grande supporto all’iniziativa da parte della Sindaca Appendino e del Prefetto Palomba.

I medici della Brigada Cubana Henry Reeve

Ma in campo scendono soprattutto le persone che ci lavoreranno all’interno. Donne e uomini che daranno vita a un ospedale da campo che mai avremmo immaginato. Tra questi anche i 38 medici e infermieri della Brigada cubana Henry Reeve venuti a dare supporto al nostro personale sanitario. Questa straordinaria struttura nata in meno di due settimane avrà un duplice valore: curare i malati Covid e allo stesso tempo liberare posti negli ospedali del territorio, affinché possano tornare a prendersi cura di tutte le altre emergenze sanitarie.

🔴 Questo video racconta i 12 giorni di lavoro h24 per trasformare una parte delle OGR – Officine Grandi Riparazioni Torino in un ospedale da campo dedicato ai pazienti #Covid. Il nostro grazie va a tutti coloro che con un grande lavoro di squadra hanno permesso di compiere un piccolo importante miracolo. Grazie a FONDAZIONE CRT che ha messo a disposizione la struttura a canone zero. Grazie alla Compagnia di San Paolo che ha interamente coperto i costi per realizzare il progetto. Grazie al Genio Infrastrutture dell’Aeronautica Militare che insieme alla Protezione Civile e l’Unità di crisi della Regione Piemonte ha guidato i lavori. Grazie alla sindaca Appendino e al prefetto Palomba per essere stati al nostro fianco. Grazie, soprattutto, alle donne e agli uomini che da domani daranno vita a un ospedale da campo che mai avremmo immaginato di dover aprire.Grazie ai 38 medici e infermieri della Brigada cubana Henry Reeve venuti a dare supporto al nostro personale sanitario, all’Ambasciata di Cuba in Italia, all’AICEC e anche alla Fondazione Specchio dei tempi e alla famiglia Lavazza che hanno consentito al loro volo di giungere in Piemonte. Grazie poi a Unicredit per averci donato uno speciale modulo dedicato alla terapia intensiva. Questa straordinaria struttura nata in meno di due settimane avrà un duplice valore: curare i malati Covid e allo stesso tempo liberare posti negli ospedali del territorio, affinché possano tornare a prendersi cura di tutte le altre emergenze sanitarie. Grazie anche a Modo Eventi e al montaggio di Giorgio Masino per il bellissimo racconto attraverso queste immagini.

Gepostet von Alberto Cirio am Samstag, 18. April 2020

Le OGR a disposizione della comunità

Dopo aver fatto rinascere le OGR Torino due anni e mezzo fa, abbiamo scelto di metterle nuovamente a disposizione della comunità per aiutare chi ha bisogno: questa è la priorità assoluta per noi.
Perché, come diceva ItaloCalvino, di una città non si gode per le sette o le settantasette meraviglie, ma per la risposta che dà a una domanda”
queste le parole di Giovanni Quaglia, Presidente della FONDAZIONE CRT.

E quando l’emergenza finirà?

A emergenza finita oltretutto l’intero materiale, attrezzature e infrastrutture saranno recuperabili per l’ottanta per cento, dichiara Alberto Cirio in una sua diretta del 19 aprile. L’ospedale da campo, nelle sue dotazioni, rimarrà un patrimonio della regione Piemonte pronto appunto a essere messo in campo per qualsiasi emergenza anche al di fuori del territorio. Storie di eccellenza.

Credits Photo e video Alberto Cirio pagina FB ufficiale

Previous articleRotary e Covid-19: 800mila euro e caschi respiratori per la Città della Salute di Torino
Next article“Terra d’Ambra e di Emozioni” la nuova canzone di Al Bano dedicata alla Lettonia
Monica Col
Vicedirettore di Zetatielle Magazine e responsabile della sezione Arte. Un lungo passato come cronista de “Il Corriere Rivoli15" e “Luna Nuova”. Ha collaborato alla redazione del “Giornale indipendente di Pianezza", e di vari altri giornali comunali. Premiata in vari concorsi letterari come Piazza Alfieri ( 2018) e Historica ( salone del libro 2019). Cura l’ufficio stampa di Parco Commerciale Dora per la rassegna estiva , del progetto contro la violenza di genere promosso da "Rossoindelebile", e della galleria d’arte “Ambulatorio dell’Arte “. Ha curato l'ufficio stampa e comunicazione del Movimento artistico spontaneo GoArtFactory per tre anni. Collabora sempre come ufficio stampa in determinati eventi del Rotary distretto 2031. Ė Presidente dell 'Associazione di promozione sociale e culturale "Le tre Dimensioni ", che promuove l' arte , la cultura e l'informazione e formazione artistica in collaborazione con le associazioni e istituzioni del territorio. Segue la comunicazione per varie aziende Piemontesi. Dice di sé: “L’arte dello scrivere consiste nel far dimenticare al lettore che ci stiamo servendo di parole. È questo secondo me il significato vero della scrittura. Non parole, ma emozioni. Quando riesci ad arrivare al cuore dei lettori, quando scrivi degli altri ma racconti te stesso, quando racconti il mondo, quando racconti l’uomo. Quando la scrittura non è infilare una parola dietro l’altra in modo armonico, ma creare un’armonia di voci, di sensazioni, di corse attraverso i sentimenti più intensi, attraverso anche la realtà più cruda. Questo per me è il vero significato dello scrivere".