Artissima, nella giornata di giovedì 31 ottobre 2019 (preview) e sino a domenica 3 novembre, aprirà le porte della sua ventiseiesima edizione negli ampi e luminosi spazi dell’Oval di Torino. E sarà diretta per il terzo anno da Ilaria Bonacossa .

L’unica fiera italiana dedicata esclusivamente al contemporaneo si prepara ad accogliere i suoi 55.000 visitatori. E’ riconosciuta a livello internazionale per l’attenzione alle pratiche sperimentali e come trampolino di lancio per artisti emergenti e gallerie di ricerca. Inoltre Artissima è un appuntamento unico che attrae ogni anno un pubblico di collezionisti, professionisti del settore e appassionati. La fiera si riconferma a ogni edizione come la preferita da curatori, direttori di istituzioni, fondazioni d’arte. Ma ci saranno anche patron di musei provenienti da tutto il mondo, coinvolti a vario titolo nel suo programma.

Il tema di quest’anno Desiderio/Censura

Artissima nel 2019 propone la dialettica desiderio/censura come tema attorno al quale far convergere l’attenzione. L’obiettivo è stimolare una riflessione aggiornata ed eterogenea sulle ambizioni e sulle utopie contemporanee. Con un occhio attento sul complesso rapporto che esiste nella società contemporanea tra le immagini e il loro controllo. La vitalità di Artissima e la sua forza innovatrice si riversano su tutta la città di Torino. Questo grazie alla collaborazione attiva con numerose istituzioni pubbliche, musei, fondazioni e gallerie

La compagnia San Paolo a fianco di Artissima Digital

Artissima è un appuntamento unico, che attrae a Torino ogni anno da tutto il mondo un pubblico di collezionisti, professionisti del settore e appassionati – dichiara Francesco Profumo, Presidente della Compagnia di San Paolo-. Ricopre quindi una fondamentale importanza per lo sviluppo del nostro territorio e per il comparto cittadino dell’arte contemporanea.

Siamo a fianco della manifestazione dal 2002 e per il terzo anno consecutivo confermiamo il nostro impegno ad Artissima Digital. Questo progetto è volto ad implementare in modo programmatico l’ambiente digitale della fiera . In questo modo si dà vita a un ecosistema capace di rispondere alle esigenze di un mondo sempre più digitalizzato. Tale attenzione incontra pienamente l’obiettivo della Compagnia di promuovere le opportunità legate alla sfera digitale e alle nuove tecnologie nella cultura e il loro ruolo di sviluppo nei suoi diversi ambiti d’azione”

LE SEZIONI

Le sezioni di Artissima 2019 sono sette. Quattro sono selezionate dal comitato delle gallerie della fiera:

Main Section, raccoglie una selezione delle gallerie più rappresentative del panorama artistico mondiale. Quest’anno ne sono state scelte 97 di cui 50 straniere.

New Entries, sezione riservata alle gallerie emergenti sulla scena internazionale, quest’anno avrà 20 gallerie di cui 15 straniere.

Dialogue, sezione dedicata a progetti specifici in cui le opere di un massimo di due artisti vengono messe in stretta relazione tra loro, con 30 gallerie di cui 22 straniere.

Art Spaces & Editions, ospita gallerie specializzate in edizioni e multipli di artisti, project space e spazi no profit, con 7 espositori.

Tre sono le sezioni curate da board internazionali di curatori Present Future , Back to the Future ,Disegni

INFORMAZIONI PRATICHE

Apertura al pubblico: 1-2 novembre 2019 ore 12.00-20.00 3 novembre 2019 ore 11.00-19.00 OVAL Lingotto Fiere | via Giacomo Mattè Trucco, 70 – Torino

Biglietti: Intero: € 18,00 Ridotto: € 13,00 * Abbonamento 3 giorni: € 36,00 * Ragazzi 12-18 anni. Over 65. Studenti universitari su presentazione del libretto universitario. Militari in divisa. Ingresso gratuito per i disabili con accompagnatore.

ARTISSIMA SRL www.artissima.it info@artissima.it Facebook | Twitter | Instagram | Youtube: Artissima Fair #artissima #artissima2019 #artissima26

Previous articleAspettando il Salone: il calendario di ottobre
Next articleFuturismo, il nuovo evento espositivo di Palazzo Blu a Pisa
Monica Col
Laurea in lettere e filosofia un lungo passato come cronista de “Il Corriere Rivoli15" e “Luna Nuova”. Ha collaborato alla redazione del “Giornale indipendente di Pianezza", e di vari altri giornali comunali, cura l'editing per le pubblicazioni per la Croce Verde delle Alpi. Premiata in vari concorsi letterari come piazza alfieri e historica ( salone del libro 2019). Cura l’ufficio stampa di Parco Commerciale Dora, del maestro e compositore Giorgio Bolognese, del pittore Stefano Galli, dell’artista di Land Art Osvaldo Neirotti, della galleria d’arte “Ambulatorio dell’Arte “ e del Movimento Artistico GoArtFactory. Segue la comunicazione per varie aziende del territorio. Ha seguito come ufficio stampa la campagna elettorale di diversi politici sia locali che regionali. Dice di sé: “L’arte dello scrivere consiste nel far dimenticare al lettore che ci stiamo servendo di parole” (Bergson).È questo secondo me il significato vero della scrittura. Non parole, ma emozioni. Quando riesci ad arrivare al cuore dei lettori, quando scrivi degli altri ma racconti te stesso, quando racconti il mondo, quando racconti l’uomo. Quando la scrittura non è infilare una parola dietro l’altra in modo armonico, ma creare un’armonia di voci, di sensazioni, di corse attraverso i sentimenti più intensi, attraverso anche la realtà più cruda. Questo per me è il vero significato dello scrivere.