Sabato 28 settembre, alle 20 e 45  presso la sala civica di Calvatone (CR),  ritornano Luca Bonaffini e Marco Dieci per cantare e raccontare Pierangelo Bertoli

La serata sarà come trovarsi a cena con un vecchio amico e, tra aneddoti e storie più o meno conosciute, si canteranno tante canzoni di Bertoli. Tutte sarebbe impossibile, ma quelle più note non potranno mancare“. Parole di Luca Bonaffini.

Marco Dieci, collaboratore dal 1967 di Bertoli, oltre ad essere co-autore di brani celebri come “Certi momenti”, “Maddalena”, “L’autobus”, e molte altre, è stato pianista, chitarrista, armonicista, produttore e arrangiatore di Bertoli per vent’anni ed è attualmente direttore musicale del Premio dedicato a Pierangelo che si svolge a Modena da diversi anni. 

BONAFFINI e DIECI ricordano Pierangelo Bertoli in concerto a Calvatone: in primo piano i due cantanti

Luca Bonaffini

Luca Bonaffini, mantovano, è stato autore di moltissime canzoni dal 1987 al 1993 (in circa sei album) e ha scritto canzoni cult come “Chiama piano” (cantata con Fabio Concato), “Dal vero”, “Oracoli”.

Chitarrista e vocalist per alcune tourneé, è l’unico cantautore che Bertoli ha prodotto personalmente (BLEZ, 1993) per la Sugar Music.

Nel 2015 Dieci e Bonaffini, in occasione del trentennale dal loro incontro a casa Bertoli, hanno realizzato alcuni concerti dedicati a Pierangelo e un singolo (Nuovamente sulla strada) cantato – per la prima volta – insieme.

I due collaboratori e amici storici del cantautore sassolese si alterneranno sul palco suonando e cantando canzoni scritte con e per Pierangelo, ma senza dimenticare i classici: non mancheranno “Eppure soffia”, “Spunta la luna dal monte”, “Pescatore”, “Italia d’oro”, “Rosso colore” e via così…”

L’evento

“Un concerto fuori programma realizzato per volontà di un amico, Giuseppe Macchiavelli, e della Pro Loco Bedriacum Calvatone, che io voglio dedicare alla signora Argelide, scomparsa da poco tempo, dopo un lungo tratto di sofferenza, coniuge di Giuseppe”.

Con Marco Dieci è sempre un piacere immenso condividere musica e affetto, perché è anche grazie a lui trent’anni fa che il mio percorso artistico ha cominciato a dare frutti concreti. Sarà un bellissimo incontro, concerto, racconto. Un evento unico.”

L’ingresso è gratuito.

Zetatielle consiglia questo evento.