image_pdfimage_print

Agosto tinge la terrazza della Biblioteca di Coazze con SFUMATURE GIALLO NOIR. Una rassegna letteraria che, ogni martedì, presenterà libri, autori e antologie rigorosamente a tema noir. Primo appuntamento dei cinque previsti: 3 agosto alle 17.00 con “Sotto il pelo dell’acqua“.La rassegna è organizzata dall’associazione La Valle di Mezzo con la collaborazione del Comune di Coazze, della Biblioteca Guido Quazza, di Turismo Coazze e di Neos Edizioni.

L’associazione La Valle di Mezzo fonda la propria attività sui principi della partecipazione sociale, della solidarietà, della promozione della cultura, delle tradizioni popolari e sulla difesa e protezione della montagna e di chi la vive. Con il suo nome, come si legge sulla pagina Facebook” intende descrivere il nostro territorio: stretto tra due valli più “importanti”. Tutto questo conn l’ambizione di riscattarne il ruolo, convinti che anche la montagna considerata “minore” abbia grandi potenzialità culturali, turistiche ed economiche che vanno conosciute, valorizzate e sostenute“.

Coazze apre agosto "Sotto il pelo dell'acqua": antologia del noir. Copertina del libro ragazza davanti all'acqua

Martedì 3 agosto : Sotto il pelo dell’acqua

Inizia quindi la rassegna la presentazione dell’antologia: “Sotto il pelo dell’acqua”. Una raccolta di venti racconti a cura di Ernesto Chiabotto con la prefazione di Carlo De Filippis. Racconti all’insegna di misteri, delitti, amori criminali e altrettanti inevitabili destini, tutti ambientati in Piemonte.

Protagonista: l’acqua, declinata in ruscelli, laghi, fontane e canali. “Pinìn Misaipà“, uno dei venti racconti presenti, scritto da Silvana Cimieri, è ambientato proprio a Coazze. Si snoda tra il Rio Pairent e il Roc du Jas, con punte alla Cartiera Sertorio, passando per Piazza Gramsci e via Freinetto.

Pinìn Misaipà, la Cimieri immerge nelle emozioni del noir

Era immerso sott’acqua, non riusciva a riemergere. Gli mancava l’aria e sentiva i polmoni scoppiare. Da un momento all’altro avrebbe aspirato l’acqua e sarebbe morto. Sentendo i colpi alla porta, riaffiorò dal tormentato sogno in cui aveva vagato tutta la notte e che lo costringeva in acque profonde. Lo specchio di fronte gli restituiva la propria immagine: la poca barba giovanile e i capelli arruffati, la pelle scura per il sole di montagna“.

Così inizia il racconto della Cimieri e ci apre un percorso tra suggestioni di masche, fratelli di latte e Notti di San Giovanni, che lasceranno il lettore con il fiato sospeso fino all’incredibile e imprevedibile svolta finale. Come in ogni buon noir che si rispetti, la scrittrice conduce il lettore sulle montagne russe delle emozioni. Spingendolo, parola dopo parola, a immergersi nel lato oscuro che alberga dentro e fuori di noi.

Ma gli appuntamenti con il giallo e i brividi lungo pelle continuano. Ogni martedì. Eccoli uno per uno.

10 agosto, La Trilogia del Commissario Vivacqua

Di Carlo DE FILIPPIS. Dai tempi del leggendario Giuseppe Montesano nella questura di Torino si sono avvicendati poliziotti che sfidano il crimine, come nei romanzi di Fruttero & Lucentini e in quelli di Carlo De Filippis con il suo commissario Vivacqua.

17 agosto Il Custode

Romanzo di Ernesto CHIABOTTO Una favola moderna, con continui salti temporali fra Torino e l’affascinante mondo dell’Antico Egitto. Un romanzo intrigante e dal ritmo affascinante.

24 agosto Merletti al veleno

Romanzo di Graziella Costanzo. Sara Audisio torna con una nuova ed intricata indagine ambientata in Valsesia, in provincia di Vercelli. Un’anziana ospite della casa di cura Villa Aurora muore per avvelenamento; i sospetti cadono sulla direttrice, già accusata in passato per omicidio.

31 agosto I Balconi di Levante

Romanzo di Riccardo MARCHINA Un giallo che, tra miti e leggende albanesi, rivela angoli affascinanti e nascosti della Torino contemporanea, una città animata da immigrazioni di ieri e di oggi. Misteri e colpi di scena si alternano a storie e tradizioni balcaniche.

Informazioni e prenotazioni presso l’ufficio Turistico di Coazze.

Coazze apre agosto "Sotto il pelo dell'acqua": antologia del noir. Locandina gialla e nera.
Previous articleDavide Pepe: “Ricordo mia nonna che mi diceva di vivere come viene”
Next articleMercato immobiliare: i prezzi delle case accelerano nel 1° trimestre
Monica Col
Vicedirettore di Zetatielle Magazine e responsabile della sezione Arte. Un lungo passato come cronista de “Il Corriere Rivoli15" e “Luna Nuova”. Ha collaborato alla redazione del “Giornale indipendente di Pianezza", e di vari altri giornali comunali. Premiata in vari concorsi letterari come Piazza Alfieri ( 2018) e Historica ( salone del libro 2019). Cura l’ufficio stampa di Parco Commerciale Dora per la rassegna estiva , del progetto contro la violenza di genere promosso da "Rossoindelebile", e della galleria d’arte “Ambulatorio dell’Arte “. Ha curato l'ufficio stampa e comunicazione del Movimento artistico spontaneo GoArtFactory per tre anni. Collabora sempre come ufficio stampa in determinati eventi del Rotary distretto 2031. Ė Presidente dell 'Associazione di promozione sociale e culturale "Le tre Dimensioni ", che promuove l' arte , la cultura e l'informazione e formazione artistica in collaborazione con le associazioni e istituzioni del territorio. Segue la comunicazione per varie aziende Piemontesi. Dice di sé: “L’arte dello scrivere consiste nel far dimenticare al lettore che ci stiamo servendo di parole. È questo secondo me il significato vero della scrittura. Non parole, ma emozioni. Quando riesci ad arrivare al cuore dei lettori, quando scrivi degli altri ma racconti te stesso, quando racconti il mondo, quando racconti l’uomo. Quando la scrittura non è infilare una parola dietro l’altra in modo armonico, ma creare un’armonia di voci, di sensazioni, di corse attraverso i sentimenti più intensi, attraverso anche la realtà più cruda. Questo per me è il vero significato dello scrivere".