image_pdfimage_print

Ormai Pasqua è segnata. Il settore turistico ha avuto la sua sentenza con l’ultimo decreto. Con l’Italia in zona rossa nelle vacanze pasquali, alberghi e strutture ricettive rimarranno anche quest’anno a bocca asciutta. E con loro tutto l’indotto che gira intorno. Ma estate e turismo sono un binomio inscindibile in un paese come il nostro che, da questo settore, ricava il 13 % del PIL.

Quali prospettive si presentano all’orizzonte? Come si stanno organizzando gli altri Paesi?

Viene dalla Grecia l’esempio più recente: Kastellorizo è la prima isola del Mediterraneo Covid free. Tutti gli abitanti dell’isola, diventata famosa grazie al film di Gabriele Salvatores “Mediterraneo”, hanno ricevuto le due dosi di vaccino Pfizer ed oggi il luogo è “Covid free“, pronto a ricevere i turisti.

La Grecia ha ragionato un piano per la ripresa economica, puntando sulle sue isole più frequentate e dopo Kastellorizo è la volta di Kastos, kalamos e via via tutte le altre.

Isole italiane covid free?

E’ opinione di Bernabò Bocca Presidente della Federalberghi che anche l’Italia deve puntare sul binomio estate e turismo sicuro. In un’intervista rilasciata all’Ansa.it, ha dichiarato che “dobbiamo dare segnali forti alla clientela su cosa stiamo facendo per prepararci e che cosa potranno fare e trovare venendo in Italia, cercando di dare segnali positivi e non far parlare solo i virologi“. Secondo Bocca, il piano vaccinazioni dovrebbe dare priorità anche alle categorie di soggetti impiegati nel settore turistico, come camerieri, addetti alle camere e titolari di strutture ricettive, e non solo. Bocca propone di inserire anche il personale impiegato in supermercati e vendita a dettaglio. Tutti coloro che hanno uno stretto contatto con la clientela in genere.

Malgrado le restrizioni, i decreti, le zone colorate, si cominciano a registrare le prime timide prenotazioni per l’estate da parte di turisti stranieri. Paesi come il Regno Unito stanno procedendo a passo spedito nel piano vaccinazioni e la voglia di viaggiare è tanta. Le regole per viaggiare sicuri ci sono, ora si tratta solo di organizzare le aperture per l’estate.

L’Italia deve farsi trovare pronta ad accogliere il turismo anche last minute. Ritornando all’esempio della Grecia, Bocca afferma:”Figuriamoci se facessimo passare anche noi quel messaggio: vaccinassimo tutti gli abitanti e dicessimo che Capri è Covid free, Ischia oppure l’Elba o Ponza. I turisti farebbero a gara per venire da tutto il mondo”.

E finalmente, potremmo avere una parvenza di normalità. Come diceva quella pubblicità?….Non vendiamo sogni ma solide realtà…mah.

Estate e Turismo