image_pdfimage_print

Dopo un anno che non è stato tra i migliori da ricordare causa COVID, finalmente nel 2021 siamo potuti tornare nei cinema per goderci qualche film.

Certamente è stata una magra consolazione dopo il lungo lockdown che abbiamo dovuto sopportare.

Senza contare che, per i recenti aumenti dei contagi, dovremo ancora aspettare parecchio per tornare alla normalità.

Comunque sia, tra mille problemi e restrizioni, cerchiamo di godere quel poco per cui c’è da gioire in questi tempi bui.

Per ogni cinefilo che si rispetti, ovviamente, il massimo della sua passione è stato potere finalmente sedersi di nuovo in sala dopo tanto tempo.

Nel 2021 siamo quindi tornati a vedere i nostri amati i film nei loro standard migliori, dopo un anno di cinema casalingo di streaming, dvd o blu-ray.

Voglio quindi cercare di fare contenti un pò tutti, offrendo tre generi diversi di storie a seconda dei vostri gusti.

Vi propongo quindi un musical sovrannaturale, seguito da un horror vecchia scuola per concludere poi con un blockbuster action fracassone e divertente.

So bene che esistono altri che fanno elenchi con classifiche di 20 o 30 dei migliori film del 2021 o anche più.

Ma personalmente preferisco la qualità alla quantità, concentrandomi su pochi titoli e approfondirli un pò meglio come meritano.

Perciò cominciamo a esplorare il mio personale podio di quest’anno, senza volere comparare nè dare il voto a nessuno dei miei consigli.

Casomai al massimo potrete darmi voi un voto se lo desiderate, lasciando un commento per ringraziarmi se avrete apprezzato come me questi film.

1 – Ultima notte a Soho

migliori film del 2021

Una giovane ragazza inglese lascia la casa e il paesino della nonna per andare a vivere nella grande e rumorosa Londra.

Infatti, dopo tanto tempo, per lei è finalmente arrivato il momento di inseguire il suo sogno e diventare una designer di moda.

Inizialmente eccitata, non riesce però a legare con le altre ragazze del college, specialmente con la spocchiosa e fastidiosa compagna di stanza.

Preferisce quindi affittare una stanza da una vecchia signora, trovando lavoro in un pub per pagare i conti.

La sua padrona di casa è un pò stramba e pignola sulle regole, ma il posto è tranquillo e sembra permetterle di studiare e riposare in pace.

Ma proprio la prima notte ha una visione che la trasporta indietro nel tempo nei panni di una giovane bionda degli anni sessanta.

La ragazza vorrebbe sfondare come cantante, attirando l’attenzione del gestore di un club col quale inizia subito una focosa relazione.

Putroppo il suo sogno si sgretola immediatamente, imparando duramente di non potersi fidare dei manager che promettono facilmente il successo.

Dopo alcune insignificanti esibizioni come ballerina, l’aspirante cantante finisce infatti per prostituirsi pur di pagarsi da vivere.

Queste visioni diventano ogni giorno più opprimenti e incontrollabili, allontanandola ancora di più da tutto e tutti.

Per uscire da questa trappola sovrannaturale, la ragazza inizia ad indagare sulla fine della misteriosa bionda dei suoi sogni.

Commedia all’inglese, musical e fantasy/thriller in un mix agitato e non mescolato

Edgar Wright continua la sua carriera originale e divertente, sfornando uno dei migliori film del 2021.

Questa volta il regista inglese realizza una storia più cupa e adulta, rispetto ai precedenti Baby Driver, Scott Pilgrim o la famosa Trilogia del Cornetto.

Ma anche in questo mondo fatto di uomini senza scrupoli e ragazze senza speranza, c’è spazio per l’amore e la passione.

Il film inizia in modo veloce e pieno di ritmo, volteggiando come un delicato musical giovanile pieno di colori e personaggi.

Molto presto però la storia ingrana una marcia completamente diversa, mettendo faccia a faccia l’innocenza contro l’oscura malvagità e depravazione umana.

La trasformazione della giovane protagonista Thomasin McKenzie è appassionante e credibile, seppure in un contesto fantasy come questo.

Dopo un ruolo importante, ma secondario, nel dolce Jojo Rabbit di Taika Waititi, questa volta i riflettori sono tutti per lei.

Lentamente, il suo personaggio diventa sempre più simile alla ragazza delle visioni, l’ormai acclamata star internazionale Anya Taylor-Joy.

L’attrice ha raggiunto il successo già giovanissima con il magnifico The Witch di Robert Eggers, horror di culto che ha fatto scuola.

Un capolavoro che avevamo già consigliato tempo fa, nel mio articolo riguardo le piu’ belle e fatali streghe del cinema.

In questo caso la sua interpretazione è semplicemente sublime, sognante e paurosa nel ruolo di una giovane donna dal cuore spezzato e i sogni infranti.

Riassumendo, consiglio questo film praticamente a chiunque, specialmente a chi lotta senza mollare per realizzare le sue passioni nonostante tutto e tutti.

2 – Malignant

migliori film del 2021

Dopo uno dei migliori registi della mia generazione, passiamo ora a un suo collega che credevo perduto, finché non ho visto questo suo ultimo film del 2021.

Infatti, dopo aver incassato miliardi con i mediocri Fast & Furious 7 e Aquaman, James Wan torna finalmente a casa con questo gustoso horror slasher.

Anche questa storia parla di una giovane ragazza, compagna e vittima di un fidanzato violento e scansafatiche.

Una sera, all’apice di una stupida lite, lui le sbatte violentemente la testa contro il muro.

Da quel momento in poi, una presenza malefica inizia a perseguitarla, cominciando proprio con uccidere brutalmente il fidanzato.

Questo mostro, oltre a essere crudele e sanguinario, sembra avere una forza smisuratamente sovrumana.

Inoltre al suo passaggio influenza misteriosamente ogni dispositivo elettronico e sembra capace di controllare schermi televisivi e telefoni cellulari.

In breve tempo, uno dopo l’altro, rintraccia e fa a pezzi una serie di medici, portando inevitabilmente la polizia a sospettare di lei.

Durante l’interrogatorio, la ragazza afferma di aver visto ognuno di quegli omicidi, in uno stato come di trance simile a un sogno.

Ma ulteriori indagini scoprono che tutte le vittime lavoravano nell’ospedale dove era ricoverata da bambina, afflitta di un male non meglio specificato.

A quel punto capisce di avere un legame indissolubile con questo mostro, il quale porta un rancore implacabile verso di lei e ogni persona che ama.

Per riuscire a salvare sé stessa e i suoi cari, dovrà perciò riscoprire il suo passato arrivando alla vera radice di quella orribile malvagità.

Sangue, paura e un super mostro da comic book

Voglio essere onesto, pur essendo un ottimo horror, forse questo non è necessariamente uno dei migliori film del 2021.

Ma è per certo quello che mi ha reso più felice, rivedendo finalmente James Wan tornare alla sua forma migliore e il suo genere più amato.

Dopo un ottimo esordio con i vari Saw – L’enigmista e The Conjuring, purtroppo il regista si era arenato con i blockbuster hollywoodiani.

Malignant riaccende l’anima gore e tenebrosa di questo autore, che però non dimentica i suoi ultimi film di super-eroi.

Infatti, questo mostro che parte da una premessa originale e intrigante, si trasforma col passare dei minuti in un superbo villain da cinecomics.

Un villain che ha il suo costume e la sua arma speciale, con la quale per esempio fa strage di dozzine di poliziotti in una scena action horror fenomenale.

Gli attori e le attrici di questo film non fanno gridare al miracolo, ma recitano dignitosamente al servizio della regia virtuosa di Wan.

Annabelle Wallis è bella quanto basta per essere la protagonista, assieme a George Young, che è anche bravo, ma forse troppo giovane per risultare credibile come poliziotto.

Comunque sia, poco importa, il vero mattatore della storia è il cattivo che ha un design e una brutalità devastante in ogni scena.

Quindi godiamoci questo ottimo horror finchè possiamo, perchè putroppo pare che al momento James Wan abbia altro tempo da perdere con l’inutile seguito di Aquaman.

3 – The Suicide Squad

migliori film del 2021

In un certo senso, questo film mi ha reso ancora più felice, specialmente essendo uno dei migliori incassi mondiali del 2021.

The Suicide Squad prova anche ai più scettici che ciò che più conta in un film, contrariamente a quanto tanti pensano, è solo e soltanto la regia.

A differenza del penoso Suicide Squad del 2016, del quale non voglio neppure ricordare il nome del regista, in questo caso James Gunn fa un lavoro fenomenale.

La trama è quella del classico colpo di stato in terra straniera, con gli americani pronti dietro l’angolo a fermare il nuovo dittatore di turno.

Una missione suicida da compiere con cautela, in quanto il paese in questione dispone di una misteriosa e potenzialmente catastrofica arma aliena.

Il governo decide cosi di mandare all’attacco una squadra di prigionieri dotati di superpoteri, ricattandoli con ogni mezzo pur di reclutarli.

Detto fatto, i nostri eroi sbarcano sull’isola dopo che un’altra squadra fa da esca per sviare l’attenzione, finendo rapidamente massacrata.

Ma la sexy Harley Quinn sopravvive e finisce prigioniera del nuovo dittatore che, innamorato pazzo di questa pazza, la corteggia chiedendole di sposarlo.

Il team dei super dovrà fare quindi una piccola deviazione per salvarla, mentre strada facendo fanno amicizia con gli agguerriti ribelli locali.

Una volta riuniti e arrivati al misterioso laboratorio segreto, scoprono che in realtà dietro alla misteriosa arma da neutralizzare ci sono proprio gli americani.

A quel punto tutti loro dovranno scegliere se obbedire agli ordini e guardare dall’altra parte, oppure lottare all’ultimo sangue contro tutto e tutti.

La devastante folle anarchia di James Gunn

Posso solo sperare che The Suicide Squad sia l’inizio di una collaborazione con la DC Comics, per realizzare film migliori del pessimi cinecomics prima del 2021.

James Gunn esalta la follia della storia e dei personaggi con delle scene demenziali e frenetiche, ma mai stupide e banali.

Il contesto fantapolitico della vicenda poi, non è affatto ridicolo come sembra, ma ironizza ferocemente contro l’imperialismo americano.

Ognuno dei personaggi è perfettamente in armonia con tutto il resto, portando in scena dei superpoteri tanto divertenti quanto devastanti.

Questo eleva all’ennesima potenza l’anarchia di questi super falliti, per i quali è impossibile vivere in modo normale senza combinare guai a non finire.

Semplicemente superbo Idris Elba come leader, inizialmente riluttante perfino a partecipare alla missione.

L’attore sfodera un senso dell’umorismo fenomenale e una grande abilità nelle scene d’azione, grazie alla sua possente forma fisica.

Ancora meglio poi è la bellissima Margot Robbie, la cosplay dei sogni di tutti gli appassionati di fumetti.

Non solo è uno splendore da guardare, ma il suo personaggio è l’apice delle scene più divertenti in assoluto.

James Gunn ribalta completamente le carte facendo risorgere questo titolo come una fenice.

Anzi, a oggi possiamo dire tranquillamente che The Suicide Squad e’ semplicemente uno dei migliori cinecomics mai realizzati.

Perciò non posso che applaudire sonoramente a questo meritato successo, per un film che ho guardato entusiasta per ben tre volte di fila al cinema.

Sperando che la produzione non rovini tutto con i sequel certamente in arrivo, intanto teniamoci stretti tutti i James Gunn di questo mondo che riusciamo a trovare.

Mi auguro che apprezziate i film che ho scelto per voi oggi, se poi volete altri consigli di cinema potete sempre andare sul mio sito:

logo di fabioemme